Premio Speciale Terroir di Autocthona 2017

download.jpeg

Si è conclusa ieri l'ottava edizione di Autocthona 2017, la manifestazione dedicata ai vitigni autoctoni d'Italia. Il premio speciale "Terroir" lo vincono Maeli e i Colli Euganei con un vulcanico Moscato Giallo sur lie Veneto IGT 2016. Si tratta di un vino imbottigliato con i propri lieviti e rifermentato in bottiglia secondo il metodo ancestrale. Un vino che ci riporta indietro nel tempo, quando si imbottigliava osservando le fasi lunari e poi si lasciava che la natura facesse il resto in bottiglia. Un vino naturale, senza solfiti aggiunti. Non è l'unico originale fra i vini dell'azienda, che ha creato anche una versione Metodo Classico Brut Nature da uve Moscato Giallo 100% (unito italiano inserito nella top ten dei migliori vini del mondo 2016, su 4000 vini assaggiati da Bloomberg). Ottime interpretazioni anche delle versioni tradizionali della DOCG Colli Euganei Fior d'Arancio, in particolare con lo spumante dolce, fiore all'occhiello della produzione (unico Moscato premiato con la medaglia d’oro a Londra da Tom Stevenson).
Elisa Dilavanzo dichiara soddisfatta: “Sono davvero entusiasta di questo risultato a Autocthona! I vitigni autoctoni sono sempre più amati dai wine lovers di tutto il mondo, poiché rappresentano una chiave di interpretazione del terroir unica. Sono convinta che i Colli Euganei saranno sempre più un luogo di riferimento per questa tendenza sia come territorio ricco di autoctoni sia per la peculiarità di terroir vulcanico oltre che per l'alto livello qualitativo dei vini che da esso hanno origine".

Elisa Dilavanzo